Linkedin, le nuove regole escludono le escort dal social network

Linkedin profili bannati
Il titolo dell'articolo può sembrare paradossale, ma in realtà su Linkedin esistono numerosi profili di escort e di persone che gestiscono giri di "donne e uomini di compagnia" ( i cosiddetti  "papponi").

Se in Italia il nuovo regolamento di Linkedin che mette definitivamente al bando profili personali di utenti con le sopra citate caratteristiche può sembrare ovvio ( dato che ci sono numerose leggi che vietano questo tipo di lavoro), in altri Paesi può rappresentare una vera e propria minaccia.

Sono moltissime le Nazioni in cui il giro di escort è legalizzato, e ci sono molte aziende e personalità , che devono essere inquadrate nella sfera professionale senza mezzi termini.

Questa modifica dell'articolo 10 di Linkedin per la sezione "Attività consentite" , potrebbe mettere in crisi tutte queste persone che per lavoro svolgono questa professione.

Aldidà del comportamento etico che bisogna sempre prendere in considerazione , bisogna sempre tener presente che un social network coinvolge una serie di utenti provenienti dalle Nazioni più disparate del nostro Pianeta.


C'è infatti da dire che anche agenti di Polizia, preti e altre figure della società si occupano di reinserire queste persone nella società . Pertanto anche per questi "professionisti" è necessario segnalare il tipo di persona ad un datore di lavoro che magari vuole assumere quell'individuo per reintegrarlo. Con il nuovo regolamento sarà impossibile fare questa operazione su Linkedin.

Una regolamentazione ad hoc per ogni Paese sarebbe la scelta migliore in molti casi e potrebbe evitare di colpire soggetti che svolgono una normale attività lavorativa nel loro Paese.

0

Posta un commento

Archivio Blog

Categorie